Pasta con gli scampi o scampi con la pasta? Lo scontro generazionale ultimamente si è fatto sentire. Io e papà in cucina assieme non riusciamo proprio a starci, a meno che non ci sia un documento firmato da entrambi in cui si stabiliscono ruoli e confini.

 

A fomentare le nostre divergenze è la momentanea assenza di mamma che ha fatto cadere la casa in un regime di anarchia. Io e papà siamo esattamente come due bambini che hanno casa libera a disposizione, insomma la sera si sboccia. Prosecchino o birretta e ci mettiamo ai fornelli, cose semplici e veloci, che non sporchino troppe pentole e siamo felici come una pasqua. Generalmente il menù prevede pesce o bistecche ai ferri, verdura cruda e a volte ci scappa anche una patatina fritta – che dopo la palestra ci sta sempre – mentre apparecchiamo minuziosamente (papà è un fanatico della mise en place, anche se mangia da solo deve mettere la dispensa sul tavolo).

 

Lunedì sera però abbiamo disertato i nostri menù da scapoli quando ci siamo trovati a dover decidere cosa fare degli scampi che avevamo in frigo reduci dal weekend. Bisognava cucinarli per forza, un po’ li abbiamo fatti al vapore e fin qui tutto ok, ma entrambi eravamo arrivati alla silenziosa conclusione che una pasta ci sarebbe stata da Dio. Erano già le 8 e mezza di sera, mettere su una pasta con gli scampi avrebbe significato mangiare minimo alle 9 e lavare due pentole, una in particolare sapevo sarebbe stata particolarmente unta, ma in nome della linguina, l’avrei sgrassata.

 

Se avessi lasciato carta bianca a papà la pasta non ci sarebbe stata nella padella e il pesce ci sarebbe annegato dentro. Allora siamo arrivati al compromesso per cui lui era l’addetto al sugo e io alla cottura ­– e scelta ­– della pasta e allo spadellamento finale. Sapevo di correre il rischio di ritrovarmi le linguine immerse in un bagno d’olio, ma se avessimo invertito i ruoli lui avrebbe scelto gli spaghetti – con il pesce io voglio le linguine – e ne avrebbe cotti una quantità industriale, in più si sarebbe lamentato del mio sugo poco sugoso, ammetto che cucino un po’ troppo healthy per i suoi gusti.

 

Decisi i ruoli abbiamo aperto la nostra solita bottiglia e pacificamente ci siamo messi all’opera, arriverà il giorno in cui metterò una telecamera a riprenderci mentre cuciniamo, secondo me facciamo troppo ridere.

Felici ci siamo messi a tavola, lui pasta con gli scampi, io scampi con la pasta. Il sugo era buonissimo, perfetto, piccante al punto giusto e sugoso q.b. Cin Cin.

 

 

INGREDIENTI per 2 persone

170 gr di pasta

10-12 scampi

2-3 cucchiai di passata di pomodoro

1 spicchio d’aglio grande o due piccoli

Vino bianco secco q.b.

Olio extravergine q.b.

Peperoncino q.b.

Sale q.b.

Per prima cosa preparate il sugo. Tagliate il dorso degli scampi nel senso della lunghezza, fate soffriggere a fiamma moderata l’aglio e il peperoncino in cucchiaio d’olio – anche due – e dopo qualche minuto aggiungete gli scampi. Fateli saltare per qualche istante e sfumate con il vino bianco, aggiungete la passata di pomodoro, abbassate la fiamma, salate, coprite la padella e fate cuocere per 15 minuti circa, dipende da quanto grandi sono i vostri scampi, i miei erano piccolini perché destinati ad essere mangiati crudi, ma la sorte ha li ha voluti in padella.

Nel frattempo che il pesce cuoce mettete l’acqua per la pasta a bollire, salate con moderazione e fate cuocere le linguine al dente. Poco prima che la cottura sia completa scolatele e tenete da parte un po’ d’acqua. Buttatele nella padella con il sugo, aggiungete l’acqua e fate saltare.

Completate con del prezzemolo fresco se vi piace.

 

PS: se dovesse avanzare un po’ di pasta mangiatela il giorno dopo, in piedi, con le mani, affianco al frigo.

Autore

Scrivi un commento

In questo sito utilizziamo i cookies, per offrirti il miglior servizio possibile. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.

Ok, ho capito.close

Che cos’è un cookie?

Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato nel computer o dispositivo dell’utente nel momento in cui visita un sito web. Il testo serve a registrare delle informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookie sono necessari a garantire il corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché consentono di memorizzare in modo sicuro il nome utente e la password o altre impostazioni come la lingua di preferenza.

 

Perché questo sito utilizza i cookie?

Il sito utilizza i cookie al fine di fornire ai propri clienti un’esperienza di navigazione modellata il più possibile intorno ai propri gusti e preferenze. I cookie vengono utilizzati anche per ottimizzare le prestazioni del sito web e raccogliere dati in forma aggregata, per continuare a migliorare l’usabilità e i contenuti.

 

Come posso disattivare i cookie?

È possibile modificare le impostazioni del browser per disattivare i cookie tramite una procedura molto semplice.

 

Firefox

  • Apri Firefox.
  • Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera.
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”.
  • Seleziona quindi la scheda “Privacy”.
  • Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate”. Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

 

Internet Explorer

  • Apri Internet Explorer.
  • Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”.
  • Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookie o verso il basso per consentirli tutti).
  • Clicca su OK.

 

Google Chrome

  • Apri Google Chrome.
  • Clicca sull’icona “Strumenti”.
  • Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”.
  • Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”.
  • Sotto la voce “Cookie” sarà possibile bloccare in parte o completamente i cookie. Accedendo alla scheda “Cookie e dati dei siti” sarà possibile cercare e cancellare specifici cookie.

oppure

Digita chrome://settings/cookies nella barra degli indirizzi e premi invio.

Accederai alla scheda “Cookie e dati dei siti” dove sarà possibile cercare e cancellare specifici cookie.

 

Safari:

  • Apri Safari.
  • Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue.
  • Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookie dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo).
  • Per maggiori informazioni sui cookie memorizzati sul tuo computer, clicca su “Mostra cookie”.

close